Come creare un diagramma a dispersione in Excel - Esempi

Giugno 30, 2021

Se c'è qualcosa che dovrebbe essere essenziale durante la formazione completa di una persona, è sapere come gestire gli strumenti di Excel . E non solo saper fare un grafico , ci riferiamo a tutte le possibili funzioni che rientrano nell'ambito delle possibilità di apprendimento. Proprio come un grafico a dispersione in Excel. Sia nella sua versione installata che nella sua versione online, dove puoi facilmente creare fogli di calcolo .

In Excel le possibilità sono molteplici. Ad esempio grafici a linee avanzati o aspetti intermedi come grafici a due assi . Tuttavia, non è possibile coprire tutti gli aspetti in queste linee molto modeste, quindi ci concentreremo sulla creazione di un grafico o di un grafico a dispersione.

Sei nel posto giusto per imparare a creare un grafico a dispersione o un diagramma in un foglio di calcolo Excel. E per questo lo analizzeremo di seguito.

Índice

    Come formattare correttamente i dati?

    Excel è uno strumento di calcolo che copre molte aree, utilizzato in tutto il mondo da persone e aziende. Nel caso della creazione di tabelle, grafici e diagrammi, offre la possibilità di poter formattare i dati , secondo le nostre esigenze. E farlo non è affatto complicato.

    Per dare il formato corretto dovremo solo selezionare le celle che contengono i dati, quindi nella scheda Home cliccherai su 'Formato' . In questo modo puoi dare stile, forma e tutto il formato appropriato per quello che vuoi fare.

    È meglio usare un grafico a dispersione o un grafico a linee?

    Molto si può dire su questo argomento, ma sarà necessario attenersi al campo matematico per darne una corretta concettualizzazione. L'elemento è composto da due grafici, grafico a linee e grafico a dispersione.

    Ora, il grafico a linee sarà una rappresentazione su un asse di coordinate cartesiane in cui verranno catturati diversi valori per lo studio e/o l'analisi. Da parte sua, il cosiddetto grafico a dispersione viene utilizzato quando esiste un grado in cui i valori negli insiemi differiscono, ma valutati in base al loro valore medio.

    Un grafico a dispersione sarà una rappresentazione di due variabili, all'interno di un grafico cartesiano, in cui verrà analizzato un conglomerato di dati. Queste possono essere similitudini l'una dell'altra per un punto comune.

    Nel rispondere alla domanda posta, devi prima considerare con quali tipi di dati lavorerai per prendere una decisione. Se i dati non variano, o in altre parole, sono coerenti (un valore dipendente segue uno schema poiché i valori indipendenti variano), allora è meglio usare un grafico a linee.

    Leggi  Come dare vita e movimento a un'immagine creata in After Effects

    D'altra parte, se i dati variano positivamente o negativamente (un valore indipendente può produrre un valore dipendente maggiore o minore), l'ideale è utilizzare un grafico a dispersione . In questo modo i dati possono essere rappresentati meglio, evitando di ottenere un grafico a linee non coerente.

    In breve, i grafici a dispersione vengono utilizzati per rappresentare dati statistici, scientifici e ingegneristici . Questo perché permette ad una migliore analisi di poter modificare gli assi del grafico secondo necessità.

    Come creare un ottimo grafico a dispersione?

    Excel è famoso per facilitare enormemente il lavoro degli utenti, ecco perché ci riferiamo all'inizio all'importanza di saper usare i suoi strumenti. Essere in grado di creare o creare un grafico o un diagramma a dispersione in un foglio di calcolo Excel sarà estremamente semplice. Questo programma ha tutto preconfigurato solo per aggiungere informazioni.

    Seleziona le due colonne di dati e il tipo di grafico

    Excel deve essere prima aperto per accedere al foglio di calcolo. Una volta dentro il file, selezionerai tutti i dati che vuoi far parte del grafico . Devi ricordarti di inserirli in coppia o in trio, a seconda di cosa vuoi creare. Successivamente, nella barra degli strumenti, fai clic sulla sezione "Inserisci".

    Ci accingiamo a fare riferimento allo spazio dedicato alla grafica che è 'Grafica'. Lì vedrai la loro categoria, distribuita in base alle funzioni da svolgere. All'interno della sezione 'Dispersione' selezionerai 'Dispersione solo con marcatori' . È fatto in questo modo perché correttamente un diagramma o un grafico a dispersione non ha linee.

    Una volta scelto, l'interfaccia mostrerà il modello appena selezionato, che lo inserirà nel foglio di calcolo per la modifica.

    Seleziona "Calc" e aggiungi la linea di tendenza

    Per aggiungere una linea di tendenza, tipica di un grafico a dispersione, dovrai fare clic con il pulsante destro del mouse su un dato nel grafico. Quando viene visualizzato il menu, selezionerai 'Aggiungi linea di tendenza' e apparirà immediatamente una finestra con le opzioni disponibili. Puoi scegliere quello che meglio si adatta ai tuoi dati e a quello che vuoi fare. In questa parte troverai i tipi di trend, puoi nominare la linea, estrapolare e più opzioni.

    La rispettiva edizione del grafico a dispersione è a discrezione e necessità dell'utente Internet che lo sta preparando. Excel è estremamente facile da gestire, poiché all'utente resta solo da riempire il grafico con le informazioni in suo possesso .

    Come personalizzare il grafico a dispersione?

    Come accennato, nel foglio di calcolo Excel è stato allegato un diagramma di dispersione predefinito che deve essere compilato solo dall'utente. Ora dovresti sapere come personalizzare la grafica in modo che assomigli di più a quello che stai cercando.

    Leggi  Come disattivare lo sfondo sfocato nella schermata di accesso di Windows 10

    Stile grafico

    È possibile personalizzare lo stile della grafica a proprio piacimento, potendo modificare il colore, lo spessore, l'ombra 3D e molto altro . Basta fare clic con il pulsante destro del mouse in un punto qualsiasi del grafico per aprire il menu e selezionare "Formato area grafico..." . Lì puoi scegliere riempimento, colore del bordo, stili e altro.

    Allo stesso modo, facendo clic con il tasto destro su un markup o sulla riga verrà visualizzato il menu in cui selezionerai 'Formatta serie di dati' . Apparirà una finestra in cui puoi personalizzare tutti gli aspetti del layout del grafico, come colore, stile, ombra, riempimento marcatore, tra gli altri.

    Titoli dei grafici

    Per aggiungere titoli al tuo diagramma a dispersione in Excel, devi solo fare clic su di esso in modo che la sezione "Strumenti grafico" appaia nella barra degli strumenti . Lì puoi aggiungere titoli, etichette degli assi, legende e altro nella sezione "Etichette".

    In questo modo, per aggiungere il titolo del grafico a dispersione devi solo selezionare 'Titolo grafico' in 'Etichette'. È possibile posizionare il titolo centrato sopra o sopra la grafica.

    Cambia la serie

    Anche se i grafici a dispersione sono di valori con tendenze variabili, è comunque possibile posizionare delle linee su di essi . Per personalizzare ulteriormente il grafico a dispersione dovrai scegliere il tipo di serie di dati. Puoi farlo direttamente nella sezione "Grafica" della sezione "Inserisci".

    Potrai scegliere un altro stile di grafico oltre al solo marker. Puoi anche scegliere con linee morbide e pennarelli, con linee morbide, con linee rette e con linee rette e pennarelli. Ogni stile ha le sue caratteristiche che dovrai considerare .

    Allo stesso modo, puoi cambiare la serie del diagramma facendo clic con il tasto destro del mouse su un markup o una traccia per visualizzare il menu e selezionare 'Cambia tipo di grafico della serie ...' .

    Modifica la legenda

    Come il titolo, puoi modificare la legenda che per impostazione predefinita sarà denominata 'Serie1'. Per questo devi seguire la stessa procedura per aggiungere il titolo, solo che questa volta dovrai cliccare dove dice 'Legend' . Lì puoi aggiungere, rimuovere o posizionare legende sul grafico. Troverai diverse opzioni disponibili come scegliere dove visualizzare le legende e se sovrapporle o meno al grafico.

    Allo stesso modo, puoi modificare il nome delle legende facendo clic con il pulsante destro del mouse e selezionando 'Seleziona dati ...' . Puoi anche modificare il formato, le dimensioni, il colore e altre opzioni di personalizzazione.

    Leggi  Come aggiungere contatti alle informazioni di emergenza sul mio Android?

    Assi verticali e orizzontali

    A seconda del tipo di dati con cui stai lavorando, puoi regolare le scale degli assi verticale e orizzontale . Farlo è molto semplice, dovendo cliccare sul grafico seguendo la procedura per aggiungere un titolo. Solo che questa volta andrai alla sezione "Assi" dove troverai due opzioni: "Assi" e "Linee della griglia".

    Selezionerai "Assi" e lì potrai modificare sia l'asse verticale che quello orizzontale. Potrai modificare la scala degli assi, potendo anche posizionare una scala logaritmica . Allo stesso modo puoi rimuoverli nel caso ne avessi bisogno.

    Allo stesso modo, è necessario chiarire la relazione tra le due variabili , che saranno rappresentate negli assi "X" e "Y".

    I valori delle variabili devono essere determinati. È fondamentale che entrambi i valori da confrontare siano collegati alla reciproca realtà temporale, cioè che i loro valori siano entrambi della stessa data da confrontare.

    La variabile deve essere posizionata nel luogo preciso, in misure generali, la variabile indipendente è assegnata all'asse cartesiano delle "X".

    La determinazione del coefficiente di correlazione sarà quella che plasma o plasma l'interazione tra le variabili sull'asse cartesiano. Fortunatamente Excel si occupa di tutto questo. E dobbiamo solo applicare ed eseguire gli strumenti richiesti dall'interfaccia.

    Esempi di buon uso di un grafico a dispersione

    Infine, ti mostriamo esempi di come utilizzare grafici o diagrammi a dispersione in Excel . In questo modo puoi avere un'idea migliore di come dovrebbe essere quello che stai per realizzare.

    Vendita di gelati

    Qui puoi vedere un diagramma a dispersione in Excel dove puoi vedere la vendita del gelato in base alla temperatura alla quale vengono venduti . Possiamo notare che non ha una legenda, ha identificatori sugli assi e che ha una griglia primaria e una secondaria.

    Entrate e spese

    In questo esempio puoi vedere la relazione tra entrate e spese di qualsiasi azienda , dove si riflette anche il saldo. Possiamo vedere che ha tre legende più il titolo, osservando che trattandosi di cifre monetarie, come la scala, assume valori negativi.

    È così facile creare un diagramma o un grafico a dispersione in un foglio di calcolo Excel. Ebbene, come è stato chiarito, è uno dei tanti grafici che si possono creare utilizzando il grande strumento che è Excel . In questo modo non è necessario eseguire calcoli, basta inserire i valori e il gioco è fatto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Go up

    Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul web. Se continui ad utilizzare questo sito, lo assumeremo Maggiori informazioni