Come configurare gli host virtuali Apache2 in Ubuntu: facile e veloce

Novembre 30, 2020

Quando parliamo del server Apache , parliamo anche di una popolare opzione alternativa che può avere la maggior parte dei siti web. Da tempo, infatti, circa un terzo di tutti i siti web si basa su questo server, il che ne dimostra la fattibilità.

D'altra parte, si presenta anche come robusto e con sufficiente accessibilità a tutti gli sviluppatori che vogliono lavorarci. Tutta questa attrazione per Apache, infatti, sta nel fatto che è possibile ospitare diversi tipi di domini all'interno dello stesso IP attraverso un sistema di matching, che lascia all'amministratore del server molta libertà con cui lavorare.

D'altra parte, ogni host virtuale configurato tramite Apache porta ogni visitatore in una determinata directory, in cui sono memorizzate tutte le informazioni del sito che vogliono trovare.

Ciò avviene attraverso un processo in cui il visitatore non si accorge mai che lo stesso server sta lavorando sulla base di altri siti web, il che crea un'ampia ramificazione di siti che può essere espansa fintanto che strumenti per questo.

Ecco perché, se tutto ciò attira la tua attenzione e desideri installare Apache2 o sei semplicemente nella difficoltà di utilizzare questo tipo di strumento con i tuoi siti, ti mostreremo come scaricare e configurare diversi host virtuali tramite Apache in Ubuntu . Quindi, resta con noi e continua a leggere attentamente poiché ti parleremo di tutto ciò che devi sapere al riguardo.

Índice

    Cosa hai bisogno di sapere

    Ora, per iniziare a configurare il tuo server, devi prima scaricare Apache sul tuo computer . Questo devi farlo tramite un utente non root, e puoi farlo usando un pacchetto apt con le linee " $ sudo aptupdate " seguite da " $ sudo aptinstall apache2 ".

    Leggi  Come creare facilmente fogli di calcolo in Microsoft Excel online gratuitamente

    Ti ricordiamo inoltre che nel passo dopo passo in cui ti diremo come configurare il tuo server Apache, dovrai cambiare "esempio.com" per il nome del sito in questione. Inoltre, dovresti sapere che puoi riavviare il tuo server Apache quando lo ritieni necessario .

    Configurazione di un host virtuale con Apache

    Per prima cosa, dobbiamo trovare una struttura di directory che possa mostrare i dati che il visitatore vede quando entra nel sito. Ogni volta che creeremo una directory, dobbiamo farlo attraverso la creazione di un "public_html" dove saranno tutti i file rilevanti, il che aiuterà con l'hosting.

    Possiamo farlo tramite le righe " $ sudo mkdir –p /var/www/example.com/public_html " seguite da " $ sudo mkdir –p /var/www/example.com/public_html ".

    Ora, dobbiamo concedere le autorizzazioni necessarie agli utenti regolari, cosa che facciamo con le righe " $ sudo chown -R $ USER: $ USER /var/www/example.com/public_html " seguite da " $ sudo chown -R $ USER: $ USER /var/www/example.com/public_html ".

    Tieni presente che "$ USER" sarà l'utente che viene aperto non appena viene premuto il tasto "invio". Inoltre, è necessario configurare i permessi di accesso in lettura con " $ sudo chmod -R 755 / var / www ".

    Ora dovremmo solo iniziare a creare tutti i file dell'host virtuale in modo che inizi la creazione degli stessi, cosa che dovremmo fare dopo aver creato le pagine di creazione.

    Possiamo farlo attraverso i codici di " <html> " seguito da " <head> " seguito da " <title> Benvenuto in example.com! </title> " seguito da altre due righe di testa e corpo, per quindi metti " <h1> Successo! L'host virtuale example.com sta lavorando! </h1> ", seguito da altre due righe di body e html rispettivamente.

    E, alla fine, il file che inizierà con i nuovi host dovrebbe essere simile a quello in cui vengono visualizzati serveradmin, documentroot, errorlog e customlog.

    Leggi  Come funziona la carta di credito Walmart e come acquistare a credito con essa in modo semplice

    Tutto questo, con le conoscenze ei codici necessari, sarai in grado di formare il tuo host virtuale con Apache e quindi solo personalizzarlo rispettivamente.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Go up

    Utilizziamo i cookie per assicurarti la migliore esperienza sul web. Se continui ad utilizzare questo sito, lo assumeremo Maggiori informazioni